AL CENTRO DI ROMA: Giovanni XXIII e il Concilio Vaticano II, con A. Melloni

AL CENTRO DI ROMA: Giovanni XXIII e il Concilio Vaticano II, con A. Melloni

Azioni e Pannello dettagli

Gratuito

Data e ora

Località

Palazzo Venezia

via del Plebiscito 118

00186 Roma

Italy

Visualizza mappa

AL CENTRO DI ROMA. STORIA, ARTE, ARCHITETTURA E MUSICA Giovanni XXIII e il Concilio Vaticano II con Alberto Melloni

Informazioni sull'evento

STORIA, ARTE, ARCHITETTURA, STORIA E MUSICA AL VIVE

Rassegna a cura di Edith Gabrielli

Ciclo Storie di Roma, storie d’Italia, a cura di Francesco Benigno, ordinario di Storia Moderna, Scuola Normale Superiore di Pisa

CONFERENZA

Alberto Melloni, Professore ordinario di Storia del cristianesimo, Universitas di Modena-Reggio

presenta

Giovanni XXIII e il concilio Vaticano II

Gaudet Mater Ecclesia: così con una mezza citazione dell’exultet pasquale Giovanni XXIII apre il “suo” concilio, l’11 ottobre 1962. Parla 38 minuti scarsi. Pochissimi capiscono la portata epocale di quel discorso – di cui la sera replica alcuni nodi parlando alla folla in piazza della luna che “si è affrettata stasera” e mandando una carezza ai bambini: ma quel giorno è la chiave del Vaticano II. Papa Roncalli fissa in esso obiettivi e distinzioni che ancora oggi – nonostante la lunga frenata del papato postconciliare e la lunga accelerazione di quello bergogliano restano la sfida aperta per la chiesa cattolica, le chiese cristiane, il mondo che le guarda con un disinteresse pieno di attese insoddisfatte.

Alberto Melloni Linceo e Chief Scientific Advisor della Commissione Europea, è Ordinario di Storia del cristianesimo nell’Università di Modena-Reggio E., titolare della Cattedra Unesco sul pluralismo religioso e la pace dell’Università di Bologna e segretario della Fondazione per le scienze religiose; ha scritto sul concilio e sulle istituzioni del cattolicesimo romano e curato edizioni critiche di fonti per il Corpus Christianorum, per i Meridiani, e per l’edizione nazionale dei diari di papa Giovanni.

STORIE DI ROMA, STORIE D’ITALIA

a cura di Francesco Benigno, ordinario di Storia Moderna, Scuola Normale Superiore di Pisa

Alcuni uomini e donne hanno lasciato un’impronta nella storia di Roma e d’Italia. Personaggi di spicco, leader di partito, papi e imperatori, e non solo. Abbiamo chiesto ad alcuni importanti storici e storiche d’Italia di raccontarne le vicende grandiose e avvincenti o dolorose e drammatiche, ma sempre destinate a segnare una traccia nella memoria della città e del paese. Tra loro veri e propri giganti come Federico Barbarossa e Napoleone Bonaparte, cortigiane ambiziose come Olimpia Maidalchini oppure donne comuni, ma indemoniate, come Veronica. Assieme a loro intellettuali centrali nella storia d’Italia, come Benedetto Croce o capi di partito amati e rispettati, come Enrico Berlinguer o infine pontefici riformatori, come Giovanni XXIII. Tutti e tutte decisivi nel segnare – proprio nel rapporto con Roma - il solco ambiguo e affascinante tra storia e memoria.

in collaborazione con

Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea

Fondazione Gramsci

Per scoprire tutti gli appuntamenti della rassegna:

vive.beniculturali.it

Condividi con gli amici